venerdì 5 marzo 2021

LATINA, le iniziative del Comune per la Giornata internazionale della donna In occasione della Giornata internazionale della donna 2021

 Latina: il Comune di Latina, attraverso gli Assessorati alla Cultura e alle Politiche di Welfare e Pari Opportunità, ha organizzato una serie di iniziative online che andranno in onda sulla pagina Facebook dell'Ente.


Si parte domenica sera, alle 21, con la pubblicazione, in prima visione dello spettacolo teatrale "Processo per stupro", per la regia di Renato Chiocca. A 42 anni dell'omonimo documentario - realizzato all'interno del Tribunale di Latina, da cui è tratto lo spettacolo - la rappresentazione teatrale racconta come venne rotto il silenzio attorno al quale era costruita la morale comune dell'epoca secondo la quale una donna onesta non poteva subire violenza sessuale. Lo spettacolo sarà preceduto, alle 20.15, da una conversazione sul tema alla quale prenderanno parte Cecilia D'Elia, Coordinatrice per la Regione Lazio delle azioni di prevenzione e contrasto della violenza contro le donne, Patrizia Amodio del Centro Donna Lilith e l'Assessora al Welfare e Pari Opportunità Patrizia Ciccarelli. Il confronto sarà moderato dalla giornalista di Latina Oggi Graziella Di Mambro.



Lunedì 8 marzo, poi, in collaborazione con il periodico NOIDONNE è stata organizzata una maratona streaming, che andrà in onda in diretta sempre sulla pagina Facebook dell'Ente, con una sequenza di 5 tavole rotonde che si alterneranno dalle ore 14:30 alle ore 18:00.
L'iniziativa si svolge nell'ambito del progetto dell'associazione NOIDONNE TrePuntoZero "Donne Sicurezza Legalità: per-corsi dai territori per una rete informativa e di prevenzione nel Lazio", sostenuto dalla Regione Lazio e finalizzato a costruire una rete territoriale regionale. Un progetto che vede attivamente coinvolto anche il Comune di Latina, attraverso l'Assessorato al Welfare e alle Pari Opportunità.


Dopo i saluti istituzionali di apertura, affidati al Sindaco Damiano Coletta, all'Assessora Patrizia Ciccarelli e a Tiziana Bartolini, direttrice di NOIDONNE, nel corso dei cinque moduli tematici (in allegato le grafiche relative a ciascun panel con i rispettivi relatori) si alterneranno testimonianze di varie esperienze e competenze che daranno vita ad una riflessione corale articolata attraverso un agile confronto sui temi specifici:
Narrazione e contro-narrazione: quali registri alternativi sono possibili?
Legalità e Sicurezza: i percorsi possibili e le istituzioni che tutelano
Parità senza Equità: a che punto siamo e quali gli strumenti possibili?


Il Territorio che crea alleanze, reti e connessioni
Donne, Sicurezza, Legalità: la rete del progetto
L'evento live si concluderà con il collegamento con Francesca Innocenti, presidente del Centro Donna Lilith, per celebrare i 35 anni del Centro Antiviolenza.

mercoledì 3 marzo 2021

VIDEO CONFERENZA: Cambiare i Lepini con i Bambini"

 

Presentazione del progetto regionale
“Il Lazio, la Regione delle bambine e dei bambini”
ai comuni della Compagnia dei Lepini

Sabato 6 marzo 2021 dalle ore 10.00,
in diretta sulla pagina Facebook @compagniadeilepini e canale YouTube Compagnia dei Lepini


mercoledì 17 febbraio 2021

LATINA,“Favole al Telefono”, lo spettacolo in streaming del Teatro Ragazzi

Doppio appuntamento su Facebook sabato 20 e domenica 21 febbraio

nell’ambito della rassegna del Comune “La Cultura e l’Arte al tempo del Covid”

 

“Favole al Telefono”, tratto dalla celeberrima, omonima raccolta di favole di Gianni Rodari, è uno spettacolo in prosa teatrale live streaming realizzato dall’Associazione Culturale Teatro Ragazzi di Latina, con il contributo del Comune di Latina, Assessorato Cultura, Turismo e Sport, nell’ambito dell’Avviso pubblico “La Cultura e l’Arte al tempo del Covid”.

 L’intento principale perseguito dal Teatro Ragazzi è offrire al suo giovane pubblico una esperienza quanto più possibile simile a quella che da anni l’Associazione promuove sul territorio della nostra provincia data l’impossibilità odierna di frequentare i teatri.

 Da questa esigenza nasce il progetto volto alla ricerca di multidisciplinarietà e ibridazione dei linguaggi teatrale e filmico, operando cross over mediali di diversa origine a seconda delle situazioni proposte. Un racconto in cui interpretazione attoriale, tecniche di Chroma Key e contributi video convivono per garantire una fruizione immersiva al pubblico che non sia propriamente né teatrale né cinematografica, ma un “terzo paesaggio” in grado di sfruttare gli elementi di tutti e due gli universi.

 Le favole che il Ragionier Bianchi racconta alla sua bambina passano dalla cornetta del telefono allo schermo dello smartphone e di altri supporti digitali - pc, tablet, smart tv - i nuovi mezzi di “trasporto” per raggiungere i mille mondi della fantasia di Rodari, addirittura pianeti lontani che raccontano storie vicine a noi, quelle stesse storie che fanno sognare, divertire o emozionare quando una nonna, un papà, una zia le raccontano prima di dormire.


 «Il Teatro Ragazzi è una delle eccellenze, da moltissimi anni, del nostro territorio e anche oltre – ha dichiarato l’Assessore alla Cultura Silvio Di Francia – promuovendo la cultura teatrale tra i giovani e giovanissimi. Il progetto corrisponde, del resto, allo spirito del bando che è letteralmente quello di non arrendersi a una situazione che ha penalizzato proprio lo spettacolo dal vivo e specialmente la cultura teatrale».

 In streaming dalla pagina Facebook del Teatro Ragazzi di Latina e del Comune di Latina, lo spettacolo sarà online in prima e seconda parte il 20 e il 21 febbraio alle ore 18.00.


terracina, Nota del vicesindaco Marcuzzi sugli Stati Generali dell’Urbanistica in programma venerdì 19 febbraio alle ore 17

Venerdì 19 febbraio l’Aula del Consiglio Comunale della Città di Terracina, ospiterà gli STATI GENERALI DELL’URBANISTICA “Pianificazione e Trasformazione Sostenibile della Città”, un incontro trasmesso in diretta streaming (a partire dalle ore 17,00), al quale parteciperanno in presenza assessori, consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, alcuni funzionari degli Uffici Tecnici, il Geom. Candido Luzzi presidente dell’Associazione Geometri Professionisti di Terracina, l’Arch. Francesco Giannetti, l’Ing. Massimo Bassi e altri tecnici liberi professionisti di Terracina. Sarà il primo di una serie di incontri che prevederanno la partecipazione delle associazioni di categoria e gli operatori dei vari settori in funzione dei quartieri e delle zone oggetto della discussione. Saranno valutate eventuali proposte da parte della cittadinanza e delle associazioni che potranno essere trasmesse tramite mail a segreteria.sindaco@comune.terracina.lt.it

 

In questo periodo di restrizioni COVID, il primo incontro è politico/tecnico. Nel prosieguo dell’iniziativa, pandemia permettendo, sarà data la possibilità di una più ampia partecipazione.

Ogni professionista, associazione, attività portatore d’interessi comuni, avrà la possibilità di dare il proprio contributo negli incontri che seguiranno. L’idea è quella di allestire un centro di condivisione, sociale e politica, dell’assetto urbanistico di Terracina, prendendo in esame le proposte dei professionsiti, delle forze sociali e dei cittadini.

Ogni zona, settore, attività e altro hanno bisogno di essere valutate singolarmente per poi essere collegate a tutto il resto in un unico progetto di sviluppo sostenibile della città. Se qualche forza politica o singolo consigliere non ritiene utile l’incontro compie, ovviamente, una scelta legittima, che però rischia di erodere la sua credibilità qualora si trovasse a contestare in futuro le scelte urbanistiche. E mi spiace anche che vengano sminuite le professionalità locali, cioè coloro che vivono e operano in questa città, capaci di avere una visione e dare un contributo prezioso di idee e lavoro per il suo sviluppo. Magari saranno meno famosi di certi relatori ospitati e rimborsati come avviene in eventi svolti in altre sedi istituzionali, ma certamente conoscono molto meglio Terracina e ne interpretano esigenze e aspettative con maggiore sensibilità e consapevolezza.

Come detto venerdì sarà il primo appuntamento che servirà per condividere il metodo di lavoro che sarà portato avanti sia nelle commissioni consiliari competenti nelle materie trattate, sia in incontri pubblici aperti.

Cominceremo con una discussione sull’art 3 della Rigenerazione Urbana in base al quale i Comuni, con una o più deliberazioni di Consiglio Comunale, individuano, anche su proposta dei privati, ambiti territoriali urbani nei quali, in ragione delle finalità di cui all’articolo 1, interventi di ristrutturazione edilizia e urbanistica o interventi di demolizione e ricostruzione degli edifici esistenti con il riconoscimento di una volumetria o di una superficie lorda aggiuntive rispetto a quelle preesistenti nella misura massima del 30 per cento.

Nell’area portuale, ad esempio, si potrebbe valutare l’attuazione dell’art 3, utilizzando tutte le cubature presenti degli immobili dismessi da anni, trasformando edifici sparsi e abbandonati in una stazione marittima all’avanguardia, con biglietterie, uffici, foresteria e altro.

Si dovrà quindi ragionare su dove allocare le produzioni di energie rinnovabili, piani del verde, della viabilità, dei luoghi di aggregazione, dei parcheggi, della gestione della nostra costa con il nuovo PUA ecc ecc.

Tanto abbiamo fatto negli ultimi anni, ma molto ancora è rimasto incompiuto e la nostra intenzione è quella di lavorare il più possibile, condividendo le idee, per consegnare alle generazioni future una città più bella e sostenibile.

CISTERNA di LATINA, il Sindaco revoca gli assessori

 

“Occorre passare ad una nuova fase, aperta a tutte le forze politiche. Questa mattina riunione coi Dirigenti per far partire gli interventi programmati”

 

Questa mattina il Sindaco di Cisterna, Mauro Carturan, ha revocato le deleghe dei quattro assessori tornati in carica insieme a lui ieri, per effetto del Decreto del TAR Lazio sospensivo in via cautelare del provvedimento prefettizio dello scorso 2 febbraio.

Resta assessore il solo Gildo Di Candilo, senza deleghe ma con l’incarico di Vicesindaco.

“In attesa che il tribunale amministrativo si esprima definitivamente sugli atti impugnati – spiega il Sindaco – trovo opportuno azzerare la Giunta per dare campo libero ad una nuova fase di concertazione con tutte le forze politiche presenti in Consiglio comunale. Con l’auspicio di uscirne presto, più forti di prima e con una linea amministrativa condivisa, decisa e più efficace. Se della Giunta, almeno per questo momento di transizione, possiamo farne a meno, non vale lo stesso per la figura del Vicesindaco necessaria al verificarsi di un mio impedimento temporaneo. Pertanto ho scelto di tenere Gildo Di Candilo in qualità di assessore anziano. Per il resto siamo di nuovo operativi – sottolinea Carturan in conclusione - anche se a ranghi ridotti, tanto che già stamattina ho dato impulso ai responsabili dei servizi di far partire quanto prima le opere e gli interventi programmati”.



LATINA, Arresti della Polizia, l’apprezzamento del Sindaco Damiano Coletta


 

Il primo cittadino: «Grazie al Questore Spina, la città sente la vicinanza delle forze dell’ordine» 

Voglio esprimere a nome dell’Amministrazione comunale e di tutta la città di Latina il più sentito ringraziamento al Questore Michele Spina e agli uomini della Polizia di Stato per la brillante operazione portata a termine questa mattina nel capoluogo pontino.

 La lotta per l’affermazione della legalità è un fronte sul quale ognuno di noi può e deve fare la propria parte con la consapevolezza di non essere solo e di poter contare sulla vicinanza e sull’incessante impegno di forze dell’ordine e magistratura.

 Il vero volto di Latina non è quello della malavita, sono certo che la maggioranza silenziosa della nostra città, che vive in maniera convinta perseguendo la cultura della legalità, sta percependo con grande soddisfazione la preziosa opera di contrasto al crimine che quotidianamente viene portata avanti per garantire sicurezza alla collettività.

 Damiano Coletta, Sindaco di Latina

                                                                                                                                            

venerdì 12 febbraio 2021

LATINA, “A gonfie vele”: il progetto di rigenerazione urbana di Comune e Ater

 Firmato il protocollo d’intesa per la partecipazione congiunta al bando “Qualità dell’Abitare” del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture


Comune di Latina e Ater parteciperanno, rispettivamente come soggetto promotore e soggetto attuatore, al bando “Qualità dell’Abitare” del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti attraverso il progetto di rigenerazione urbana “A gonfie vele”. L’azione congiunta dei due Enti è stata sancita questa mattina con la firma di un Protocollo d’intesa da parte del Sindaco Damiano Coletta e del Direttore Generale dell’Ater Paolo Ciampi.






L’accordo consentirà a Comune e Ater di concorrere congiuntamente al bando del Mit, che ha messo a disposizione fondi per riqualificare e incrementare il patrimonio residenziale sociale, rigenerare il tessuto socio-economico, incrementare l’accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici, migliorare la coesione sociale e la qualità della vita dei cittadini.  

L’idea progettuale è stata presentata dall’Ing. Carlo Patrizio, Docente di Rigenerazione urbana e territoriale alla Sapienza Università di Roma e incaricato dell’elaborazione del progetto.

«L’obiettivo – ha dichiarato il Sindaco Damiano Coletta – è rigenerare una zona nevralgica della città, quella a cavallo della Pontina in corrispondenza degli edifici comunemente chiamati “le vele”. Siamo proiettati in questo progetto con grande impegno per renderlo il più competitivo possibile e insieme all’Ater abbiamo intenzione di fare la nostra parte per garantire ai cittadini un diritto essenziale, il diritto alla casa, e per mettere a disposizione della collettività la fruizione di spazi pubblici. Siamo dunque nella direzione del bene comune il cui valore è assolutamente inestimabile».

«C’è grande soddisfazione – ha commentato il Commissario straordinario dell’Ater, Marco Fioravante – perché siamo al lavoro per aumentare l’offerta abitativa e allo stesso tempo per rigenerare zone che interessano centinaia di famiglie. Speriamo che questo sia soltanto l’inizio di un percorso che vedrà Ater e Comune impegnati nel ridisegnare insieme parti della nostra città pensando sempre, come ha detto il Sindaco, al bene comune».

Nello specifico, l’idea progettuale elaborata dal Prof. Patrizio «prevede una serie di interventi – ha detto il progettista – materiali e immateriali, considerando anche il valore sociale delle operazioni che verranno compiute». Una di queste è la demolizione dello scheletro dell’ex Icos e la ricostruzione di un volume che potrebbe essere destinato all’housing sociale a canone calmierato. «Ci saranno un ponte ciclopedonale sulla Pontina – ha spiegato il Prof. Patrizio – e collegamenti con le piste ciclabili. Le cosiddette “vele” saranno interessate da interventi di riqualificazione energetica e verranno allestiti orti sociali e spazi di verde attrezzato. Il progetto è ambizioso perché ha come obiettivo rigenerare una comunità di abitanti particolarmente numerosa. Stiamo inoltre somministrando ai cittadini del quartiere un questionario dal quale riteniamo possano arrivare condivisioni di idee interessanti».